Figlio di un operaio italiano di Bardi immigrato in Francia negli anni Venti. Insegnò alla Sorbona all’Istituto di Scienze politiche, fondò e diresse il Centro di storia europea del XX secolo, diresse la «Revue d’histoire contemporaine». Dopo i libri sulla emigrazione italiana e sul fascismo, scrisse una Storia d’Italia (un volume di mille pagine) che comincia all’epoca degli Etruschi e arriva ai nostri giorni.